top of page

Le fortune dei governatori

Mi sono imbattuto nella vetrina allestita per Natale di una libreria considerata tra le più belle d’Italia (penso ci si riferisca alla sede più che alle scelte librarie, ma non sono un esperto). A questo punto non posso nemmeno dire “con mia grande sorpresa”, dato che non è stata affatto una sorpresa, perché la libreria in questione non è nuova a promozioni del genere; un’intera vetrina dedicata all'ultimo libro del Presidente della giunta regionale, Luca Zaia. Presidente, ribadisco, non governatore, governatore è un’americanata, un’invenzione giornalistica, dato che nell’ordinamento previsto dalla nostra Costituzione non esiste questo termine per designare il ruolo che Zaia ricopre, bensì presidente (a tal proposito si vada a vedere la spiegazione di Vittorio Coletti sul sito dell’Accademia della Crusca).



Il libro si intitola I pessimisti non fanno fortuna e casca a fagiolo: è la perfetta integrazione a quanto ho scritto nei due post precedenti: Il capitalismo non esiste e The right to cry. La censura dello star male.

Nella scheda di presentazione l’editore cita dal libro: «Che ci piaccia o no, gli eventi di questi ultimi anni hanno imposto uno scenario destinato a diventare uno spartiacque tra due epoche. Possiamo scegliere di subirlo, illuderci di contrastarlo oppure decidere di governarlo» (il grassetto è mio, per evidenziare i tre tipi umani individuati nel post Il capitalismo non esiste). E poi ancora: «se i mutamenti mettono inevitabilmente di fronte a problemi sconosciuti, dobbiamo però saperne cogliere anche le straordinarie opportunità». Non è tanto il ragionamento a far specie, quanto la particolare accezione di opportunità. Questo è ciò che essenzialmente vuol dire non smettere di credere nel futuro, invitando «a esercitare la libertà di scelta, non cedendo al pessimismo».

Eccoci dunque; ancora una volta a dire che la scelta è tra decidere di cavalcare la tigre, con tutte le ragioni del mondo a favore (a cominciare da quelle economiche), o ripiegare in una critica sterile e musona.

Kommentarer


bottom of page